Lezioni dagli ultimi sondaggi


Due importanti novità:

  1. La Lega è diventata ormai virtualmente il primo partito, avendo quasi raggiunto il Movimento Cinque Stelle.
  2. Il PD si è stabilizzato per la prima volta da due settimane a questa parte sulle percentuali ottenute il 4 marzo, registrando un leggero trend in salita.

Sondaggi Lega M5S PD FI LeU

Questo conferma ancora una volta quanto già avevamo scritto il 29 maggio, prima della formazione del governo Conte.

Inoltre, conferma anche la nostra analisi del 1 giugno, il primo giorno del nuovo governo.

Leggi tutto “Lezioni dagli ultimi sondaggi”

Consigli da esperti su come interpretare i sondaggi


I media italiani di solito riportano i sondaggi in modo pessimo. Queste tre semplici regole sono tutto quello che vi serve per capire cosa indicano e cosa no gli ultimi sondaggi.

1. Consultare sempre le medie e non i singoli sondaggi

Ai media piace costruire delle storie ogni volta che esce un nuovo sondaggio. Ma un singolo sondaggio può rappresentare un’anomalia o semplicemente riflettere una fluttuazione. Chi ha esperienza nell’interpretare i sondaggi sa che bisogna sempre prendere in esame le medie dei rilevamenti, che sono dati più affidabili. Quando vedete un sondaggio nuovo, confrontatelo sempre con la media dei sondaggi più recente.

Leggi tutto “Consigli da esperti su come interpretare i sondaggi”

Ultimi sondaggi


La Lega continua a crescere e il M5S a scendere. Il M5S è chiaramente sotto la soglia raggiunta alle elezioni del 4 marzo.

La novità principale di questa settimana è che il PD e il centro-sinistra hanno iniziato a risalire. Sei su dieci dei sondaggi usciti dal 27 maggio mostrano, per la prima volta, che il PD è sopra il risultato ottenuto alle politiche.

PD politiche 4-mar 18,7%
28-mag SWG 19,4%
28-mag IPR 17,0%
29-mag Tecnè 17,3%
30-mag Demopolis 19,0%
30-mag Euromedia 17,0%
30-mag Piepoli 19,0%
31-mag Index 19,2%
31-mag IPSOS 19,2%
4-jun EMG 19,6%
4-jun SWG 18,5%

Leggi tutto “Ultimi sondaggi”

I dati: il M5S deve avere paura delle elezioni, il PD no


Mentre i risultati delle elezioni, se ci saranno, dipenderanno da un’eventuale campagna elettorale, possiamo già trarre alcune importanti lezioni dai sondaggi effettuati dopo il 4 marzo.

I dati più importanti:

  1. M5S: dopo un aumento iniziale, ha subito un crollo significativo rispetto al risultato del 4 marzo ed è continuato a scendere nelle ultime settimane. 
  2. Questo ed altri dati mostrano che il loro supporto è estremamente volatile. Non c’è ragione di pensare che otterranno lo stesso risultato del 4 marzo nel caso di nuove elezioni. Al contrario, tutto fa credere che perderanno un percentuale significativa di voti a vantaggio della Lega.
  1. PD: Dopo un crollo iniziale di meno di un punto, è rimasto a livelli stabili.
  2. I sondaggi evidenziano l’esistenza di uno zoccolo duro di supporter destinato a rimanere, in contrasto con il tetto di consensi ottenuti dal M5S. Naturalmente tutto dipenderà da un’eventuale campagna elettorale, ma le condizioni oggettive non danno ragione di pensare che il PD avrà un calo ulteriore e invece fanno pensare che potrebbe avere un risultato migliore.

La Lega ovviamente può fare meglio rispetto al 4 marzo, mentre Forza Italia può avere una performance peggiore, anche se sembra essersi stabilizzata nelle ultime settimane, ragione per cui non c’è ragione di pensare che collasserà del tutto.

Questa analisi non tiene conto della crisi recente nè di ciò che accadrà nei prossimi giorni. Ma i dati raccolti dal 4 marzo al 27 maggio mostrano che il M5S deve temere nuove elezioni, mentre il PD dovrebbe vederle come un’opportunità.

*nota: il primo sondaggio apparso dopo la stesura di questo post, il 27 maggio, sembra confermare la nostra analisi:

Leggi tutto “I dati: il M5S deve avere paura delle elezioni, il PD no”

Previsioni Friuli Venezia Giulia


Anche se è disponibile solo un numero limitato di sondaggi, emerge un chiaro vincitore.

Previsioni:

  • Centro-destra: non meno del 45%, probabilmente almeno 49%
  • Centro-sinistra: 23%-29% circa
  • M5S: 15-25%, probabilmente attorno al 20%

Una precisazione sul centro-sinistra: in caso di bassa affluenza dell’elettorato di riferimento potrebbe essere scalzato dal M5S.

Leggi tutto “Previsioni Friuli Venezia Giulia”