La Lega, i libri e il fascismo*

di Andrea Mammone (Royal Holloway, Univ. of London) @Andrea_Mammone 


In un’era caratterizzata dal ritorno dell’etnonazionalismo anche la più antica istituzione accademica d’Europa, l’Università di Bologna, deve fare i conti con le critiche demagogiche dell’estrema destra. I rappresentanti della Lega hanno presentato un’interrogazione alla Giunta regionale contro il volume La Lega di Salvini. Estrema destra di governo, di Gianluca Passarelli e Dario Tuorto (pubblicato da Il Mulino), che è fra i libri consigliati in un esame nel dipartimento di Scienze Politiche. Tra le ‘gravi affermazioni’ contenute nelle sue pagine, alcune preoccupano non poco i leghisti: in particolare, il leader ex camicia verde, oggi in felpa, porterebbe avanti ‘un messaggio di radice eversiva con tratti fascisti, che richiama i tempi bui dell’Europa del Novecento, ma anche la segregazione razziale in Sudafrica’, mentre il loro partito (ex regionalista) sarebbe diventato di ‘estrema destra, con tratti razzisti, xenofobi, politicamente e socialmente violenti’. Se l’argomento non fosse tremendamente serio si potrebbe ridere sull’idea dei leghisti di applicare le ‘politiche di antidiscriminazione della Regione […] per gli studenti che si sentono politicamente affini alle posizioni del partito’. I giornali semi scandalistici vicini al movimento sono ovviamente diventati il megafono di tale indignazione.

Max Rossi – Reuters

Leggi tutto “La Lega, i libri e il fascismo*”

I sovranisti europei a Milano

 

di Marta Lorimer (LSE) @_mlorimer  


Lunedì mattina, quattro leader della destra radicale Europea si sono incontrati a Milano. Obbiettivo? Annunciare la creazione (o quantomeno, l’aspirazione) di un gruppo unitario al Parlamento Europeo.

Al momento, Matteo Salvini (Lega), Jörg Meuthen (Alternativa per la Germania), Olli Kotro (Veri Finlandesi) e Anders Vistisen (Partito Popolare Danese), infatti, siedono in tre gruppi diversi al Parlamento europeo: La Lega fa parte del gruppo Europa delle Nazioni e della Libertà (ENL), l’AfD del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta e i Veri Finlandesi e il Partito Popolare Danese del gruppo Conservatori e Riformisti. L’incontro di Milano era dunque l’occasione per provare a federare le forze dell’estrema destra europea e portarle all’interno dello stesso gruppo politico, con l’intenzione di diventare ‘il gruppo più grande all’interno del Parlamento europeo.’

credits: Rai News

Leggi tutto “I sovranisti europei a Milano”

La supercazzola di oggi


@JennaBenso

Una tattica spregevole per cavalcare la destra, e poi rafforzare l’idea che l’immigrazione sia il problema dell’Italia. Intanto dove sono le discussioni su temi veri?*

*uno a caso, cosa fare contro l’aumento delle disuguaglianze sociali che finiscono con l’amplificare il sentimento di insicurezza e il problema della xenofobia in tutta Europa?